cambiare-materasso

Il tuo letto

Quando cambiare il materasso?

Se il tuo sonno è disturbato e hai notato irregolarità sulla superficie esterna del tuo materasso: potrebbe essere giunto il momento di cambiarlo. Non rimandare: ne va del tuo benessere!

Il sonno è un elemento vitale: da un buon riposo dipendono salute e benessere. Gli esperti sono concordi nel ritenere che si debba dormire, in media, tra le 7 e le 9 ore per notte perché è questo l’intervallo di tempo necessario a muscoli e cervello per rilassarsi, riposarsi, ricaricarsi e affrontare al meglio la giornata successiva. Nonostante l’importanza di questo tema, non tutti però siamo attenti a garantirci quotidianamente un riposo rigenerante: insonnia, sonno disturbato e risvegli frequenti minano – talvolta inconsapevolmente – il nostro benessere. Poiché un alleato fondamentale è sicuramente il materasso, talvolta per risolvere problemi di insonnia basterebbe solamente sostituirlo. Ma come fare a capire se è davvero necessario cambiare il nostro materasso? Ecco qualche indicazione per capire quali sono i segnali da considerare.

Quanto dura un materasso?

Un materasso ha una “vita” media che oscilla tra i 7 e i 10 anni. La durata tiene in considerazione diversi fattori, a partire dal fatto che il prodotto sia, ovviamente, di qualità: un materasso che non lo è, potrebbe dover essere sostituito molto prima. Su questo range temporale influisce anche il materiale con cui il materasso è realizzato: quelli in lattice, ad esempio, considerata la diversa composizione dei polimeri che tendono a “sgretolarsi” più rapidamente con il trascorrere del tempo, possono durare meno dei materassi in Memory Foam, realizzati in poliuretano. La durata dei tradizionali materassi a molle, invece, dipende dalla resistenza del metallo interno che dopo 8-10 anni perde di resistenza ed elasticità. Non deve però essere questo a guidare la scelta del materasso giusto per te: scegli le caratteristiche che rispondono meglio alle tue esigenze specifiche, o ti troverai costretto a cambiare molto presto il tuo materasso per ragioni diverse dall’usura!
Ci sono fattori esterni che incidono più o meno significativamente sulla durevolezza del prodotto:

  • Umidità e sbalzi di temperatura degli ambienti
  • Pulizia e manutenzione del materasso stesso
  • Qualità della biancheria da letto
  • Quanto viene utilizzato
  • Variazioni di peso e sudorazione di chi lo utilizza abitualmente.

Come prolungare la durata del materasso

Con qualche piccolo accorgimento puoi allungare la vita del tuo materasso, rallentando il suo naturale invecchiamento e preservando le sue prestazioni. Ad esempio, per quanto comodo e rilassante sia, è sconsigliato mangiare a letto perché liquidi, creme e caffè possono macchiare indelebilmente (o quasi) il materasso; inoltre, è buona pratica girarlo una volta al mese e invertire piedi e testa per sollecitare uniformemente tutta la sua superficie ed evitare così cedimenti in una particolare zona. Attenzione anche alle macchie di sangue: se per toglierle vengono usati prodotti aggressivi, possono essere proprio questi a rovinare il materasso.
Se si hanno animali in casa, non si dovrebbe prendere l’abitudine di farli dormire con noi sul letto: per quanto ci faccia piacere, purtroppo i nostri amici sono ricettacoli di acari e germi che si depositano nel materasso e, a lungo andare, possono causare reazioni allergiche. È consigliato, poi, fargli prendere aria una volta a settimana senza lasciarlo però esposto al sole in maniera diretta: alte temperature potrebbero deformare imbottitura e interno. Ogni mattina, poi, dovrebbe essere areata la stanza da letto in modo che l’aria fresca faccia evaporare sudore e secrezioni che di notte vengono rilasciate in maniera del tutto naturale (e che, ovviamente, vengono assorbite da biancheria e materasso).

Uno dei passatempi più divertenti del tuo bambino è saltellare sul letto? Comprensibile, ma purtroppo è un gioco che al materasso piace molto poco! Così come gradisce poco anche l’acqua e il vapore utilizzati per la sua pulizia: intaccando la composizione interna, potrebbero comprometterne qualità e prestazioni. Infine, anche la scelta della rete contribuisce ad allungare la vita al tuo materasso: quelle a doghe, ad esempio, garantiscono la corretta ventilazione.

I segnali che il materasso deve essere cambiato

Abbiamo detto che una cattiva qualità del sonno – risvegli frequenti, insonnia, difficoltà ad addormentarsi – potrebbe essere uno dei segnali che il materasso ci manda per avvertirci che è arrivato il momento di sostituirlo. Ma non è l’unico! Altri fattori da prendere in considerazione – oltre all’età del prodotto – sono:

  • Mal di schiena: se, durante il sonno, la colonna vertebrale non è correttamente sostenuta, la conseguenza è l’insorgere di dolori alla cervicale e nella parte bassa della schiena. Un materasso che ha perso la sua capacità di buon supporto, necessita di essere cambiato;
  • Sensazione di arti intorpiditi: facci caso quando ti svegli. Se hai questa percezione, potrebbe essere colpa del materasso troppo usurato che, come nel caso del mal di schiena, non riesce più a garantire al corpo il giusto sostegno;
  • Irregolarità sulla superficie esterna: la mancanza di uniformità della superficie è il segno visibile e tangibile – e quindi più evidente – che il materasso ha perso la sua capacità di sostegno.
  • Il materasso è troppo morbido o, al contrario, troppo rigido e le molle cominciano a cigolare.

Per sintetizzare, la prova del nove è data dal tuo risveglio mattutino: se ti senti sempre stanco e un po’ acciaccato nelle zone più sensibili del corpo (collo, schiena, fianchi) è arrivato il momento di salutare il tuo fedele amico e sostituirlo con uno nuovo e più performante.

Perché è importante cambiare il materasso?

Da un buon materasso passano la tua salute e il tuo benessere: alle sue prestazioni, infatti, è legata la qualità del tuo sonno e abbiamo già sottolineato quanto questa sia basilare per mantenere un ottimale equilibrio psico-fisico. Ma non solo. L’igiene del materasso è strettamente connessa ai tuoi (potenziali) problemi di allergia: polvere, sudore, acari, batteri, spore e altri residui non meglio specificati si depositano nel materasso e la loro presenza più o meno massiccia è legata sia alla manutenzione dello stesso che alla lunghezza del periodo di utilizzo. Ovvero: per quanto tu sia attento e scrupoloso nella pulizia periodica del materasso, fisiologicamente poi questo andrà cambiato (anche) per una questione di igiene. Meno igienico è il materasso, meno igienico sarà il tuo sonno e più ne potrebbe risentire la tua salute. Infine: un materasso usurato e non più performante può provocare danni alla colonna vertebrale che, se non opportunamente trattati, alla lunga comportano seri problemi di salute.

FONTI

Idee Green

Il Salvagente

Altri articoli della categoria

    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
      Calculate Shipping
      Applica coupon
      Available Coupons
      blackweekend Get 20% off Codice sconto Black Weekend (27-28 Nov)
      cart10 Get 10% off Coupon sconto carrello abbandonato (Social) -10%
      cybermonday Get 15% off Codice sconto Cyber Monday (29 Nov)
      love10 Get 10% off Coupon sconto per secondo acquisto -10%
      relax10 Get 10% off Coupon sconto carrello abbandonato -10%
      test Get 10% off
      welcome10 Get 10% off Coupon sconto per iscrizione alla Newsletter -10%