Da cosa nasce l’insonnia e come possiamo evitarla?

May 9th at 3:13pm
 
Il termine insonnia deriva dal latino insomnia e paradossalmente, non significa “assenza di sonno”, ma “assenza di sogni”.

Tale mancanza in effetti è legata all’assenza del sonno che è una delle attività più importanti, oltre che più piacevoli, dell’esistenza di ognuno di noi.

Possiamo parlare di insonnia però anche laddove il sonno risulta irregolare, non riposante, o costellato da ripetuti risvegli.
 
Un sonno ristoratore è decisamente importante non solo per la nostra salute, ma perché dormire bene è necessario per poter svolgere al meglio tutte le attività che dobbiamo affrontare ogni giorno e perderlo significa andare incontro a numerose problematiche.
 
Si stima che circa 9 milioni di italiani soffrano di disturbi del sonno, talvolta sono solo problemi passeggeri ma alle volte, soprattutto se tardano a scomparire, questi sintomi rischiano di cronicizzarsi diventando un vero e proprio rischio per la nostra salute.

E’ importante perciò fare un attenta analisi e parlare con uno specialista il prima possibile, così da scongiurare patologie gravi e prendere subito provvedimenti.
 
Perdere il sonno infatti significa ad andare incontro a cambiamenti  del nostro umore, ma anche ad osservare significative perdite delle nostre capacità mnemoniche e cognitive fino a sottoporci a rischi quali malattie cardiovascolari o diabete.
 
 
Ma quali sono le cause che portano all’insonnia? e come possiamo reagire?
ecco le cinque cause e cinque rimedi più comuni :
 
Insonnia Cause :
  1. Stress ed Ansia sono spesso legate alla nostra routine quotidiana e sono spesso le cause  all’origine dell’insonnia più comune.
  2. L’utilizzo di sostanze eccitanti assunte durante il giorno o poco prima di addormentarsi quali caffè, thè, sigarette o droghe.
  3. Fattori ambientali come rumori esterni provenienti da una strada trafficata, un vicino particolarmente rumoroso o un compagno che russa.
  4. Mangiare di notte o alzarsi per andare al bagno
  5. Dolori legati a malattie e problemi fisici.
 
 
Insonnia Rimedi :
  1. Se non si riesce a prendere sonno meglio alzarsi e distrarsi con attività rilassanti come leggere un libro o ascoltare la musica. L’errore più comune è quello di utilizzare il nostro smartphone. Pare che la luce emanata dai telefonini inibisca il rilascio di melatonina, ormone responsabile del mantenimento del ritmo circadiano (sonno/veglia) da parte del cervello. Anche guardare la televisione  o film aggressivi o movimentati può inibire il sonno.  Quando saremo più stanchi, rilassati e pronti per dormire ci coricheremo nuovamente a letto.
  2. Fumare è molto dannoso per la salute, non tutti però, soprattutto gli irriducibili de “l’ultima sigaretta prima di andare a letto” sono al corrente che il fumo è nemico anche del sonno.  Uno studio del 2014 ha dimostrato infatti come la nicotina da stimolante, influenzi il ritmo circadiano anche di polmoni e cervello. Il fumo, come anche altri eccitanti, droghe o alcool ,  agiscono sulla nostra cognizione e questo è in grado di portare a disturbi dell'umore, depressione ed ansia.
  3. Non abbuffarsi a cena, un pasto troppo abbondante affatica la digestione rallentandola. E’ consigliabile invece rimanere leggeri e concedersi delle tisane rilassanti alla camomilla al tiglio o ad altre erbe, non molto prima di andare a letto. Anche alzarsi spesso per andare in bagno può disturbare il nostro sonno, se proprio dobbiamo farlo meglio cercare di non accendere le luci in modo tale da non alterare ulteriormente il nostro ciclo circadiano.
  4. Fare l’amore. Sembrerà strano ma concedersi di fare l’amore prima di addormentarsi concilia il sonno, e numerose sono le testimonianze a riguardo, senza tener conto del piacere stesso dell’attività.
  5. Dormire su un materasso consono alle proprie esigenze.
    Avere come supporto un dispositivo comodo, di qualità e adatto alle nostre esigenze è il primo alleato per un sonno ristoratore.
    Un dispositivo letto in grado di supportarci correttamente è fondamentale per dormire riposando bene.
 
E’ stato calcolato che approssimativamente nell’arco della nostra vita trascorriamo all’incirca 27 anni dormendo, dunque impariamo a farlo correttamente e a godere di tutto il piacere e di tutti i benefici che comporta.

​​​​​​​Dunque cari amici, rileggetevi i punti 1 e 4 dei Rimedi, spengete il telefono, e fate l’amore!
 
Chiamaci Scrivici